Attimi.

Parole violente, sputate
allo spuntare del giorno,
spezzano l’inizio dell’altrimenti
a questa tristezza.
Un disco interrotto,
percosso da sassi che rotolano
dalla bocca, spostarsi non serve.
La luce mattutina fugge offesa,
anche se resta diversa da com’era.
La gioia, anche se passeggera,
è pur sempre gioia. Perciò.
Leggero è ciò che m’aspetta,
visto da questa finestra.
La filastrocca riprende il cammino.
Amica del tempo, correndo sul filo.
Tocca il pensiero più sveglio,
cercando sollievo
e si culla sul da farsi giornaliero.

 

Informazioni su arcalibera.com

Ho 48 anni, vivo a Roma, sono appassionata di scrittura
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...