Category Archives: Uncategorized

Alba.

Tema musicale, R. Pinna. Al mattino la piazza è una stanza con la luce accesa. Chi vive ancora sogna. Silenzioso ascolta l’affiorare di un nuovo giorno, sistemando le proprie cose. Tutto è da farsi, come se l’ieri l’avesse disfatto la … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Quando il Tempo incontra il tempo.

Quando il Tempo incontra il tempo casa tua è il luogo più bello del mondo. I riflessi mutano l’ambiente, rapiscono lo sguardo intento nel fare quotidiano. I muri accolgono il Tempo infinito nel tempo fuggevole. Campanelli risuonano nelle stanze del … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Luce.

Nelle stanze splendenti di sole, cavato il buio dall’oblio, l’attesa ravviva l’animo come i fiori sulle vesti in primavera. Chiome agghindate celebrano la felicità. Sui tetti corrono i raggi fatti come mele. Ed io verso casa. Chi conta i miei … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

La nonna di Atlante.

Uno, due, tre, mille gradini schiacciati e poi ingoiati dalla scala mobile. Se da allora avessi contato il saliscendi quotidiano, sarei arrivata in cima all’Everest. Io non sono diversa dagli altri, forse, anche questi altri si fanno le stesse mie … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Scelgo l’estate.

Amo l’estate allo stremo delle forze, dopo tour e prove d’abilità mirabolanti: test d’oggettivazione del reale, in cui fare a gara a chi capisce di più del mondo in cui si trova. Amo l’estate, perché non gli devo rendere conto.  … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Ragazzini.

“The words of the prophets are written on the subway walls And tenement halls And whispered in the sound of silence” Sento. Credo tu senta come me, ci credo e lo dico: eccomi! Poi non ci sei più, mi sono … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment

City in love.

Voglio il grigio metropolitano. Voglio occhi vispi, bocche in primo piano. Voglio la musica, della radio il fiato, la voglio che s’unisce al giorno spaiato, quello sghembo, messo per errore nella scatola dei giorni di sole. Voglio sentire lontano nel … Continue reading

Posted in Uncategorized | Leave a comment